mercoledì 14 maggio 2008



Acquistato un nuovo libro!!! I FIDANZATINI - UNA STORIA D'AMORE DURATA 90 ANNI di Paynet Raymond

E' un libro molto interessante...Perché???
Be Perché è a disegni, un vero e proprio capolavoro di 269 pagine tutte disegnate e con sotto una o due righe che spiegano la vignetta.
E' una sensazione strana, leggere un libro e nello stesso tempo vederlo!!

Raymond Peynet

Raymond Peynet nasce il 16 novembre 1908 a Parigi. Si sposa con Denise Damour ed avrà una figlia, Annie. E’ l'ultimo giovane ammesso a Germain Pilon, il futuro istituto di Arte Applicata all'Industria ed è uno dei fratelli Lumière a consegnargli il diploma. Il suo primo impegno è presso un pubblicista e, in seguito, presso un decoratore. Infine trova lavoro presso Tolmer dove realizza manifesti, confezioni per farmaci, scatole diverse. Si prodiga, quindi, per aprire una propria agenzia, ma la guerra è alle porte. Si trasforma in disegnatore dell'esercito, realizza esposizioni itineranti per i prigionieri; poi, prigioniero a sua volta, evade. Prima della guerra aveva iniziato ad inviare dei disegni a giornali e riviste ed a illustrare libri. Nel 1942, davanti al chiosco della Musica nel parco di Valence, Peynet inventa la famosa coppietta. Manda i disegni all’amico Max Favalelli, allora redattore della rivista “Ric e Rac”, che li chiamerà “gli innamorati di Peynet”. È l’inizio di una lunga storia. I due fidanzati viaggiano in tutto il mondo. Contemporaneamente, Peynet realizza scene e costumi teatrali, disegna l’espositore e il cofanetto del profumo Succès fou di Elsa Schiapparelli, illustra libri e intensifica la sua attività nel campo della grafica. "Le Kiosque des Amoureux de Peynet" diverrà monumento storico.



Nessun commento:

Ti piace il mio blog?

SONDAGGI SONDAGGI SONDAGGI SONDAGGI

consiglio fantasy: ROBERT JORDAN

"La Ruota del tempo gira e le Epoche si susseguono, lasciando ricordi che divengono leggenda;
la leggenda sbiadisce nel mito, ma anche il mito è ormai dimenticato, quando ritorna l'Epoca che lo vide nascere.
In un'Epoca chiamata da alcuni Epoca Terza, un'Epoca ancora a venire, un'Epoca da gran tempo trascorsa, il vento si alzò fra le colline.
Il vento non era l'inizio
Non c'è inizio né fine, al girare della Ruota del Tempo.Ma fu comunque un inizio."
La Ruota del Tempo - L'Occhio del mondo