giovedì 24 gennaio 2008


E' INIZIATO UN NUOVO ANNO...

primo libro letto del 2008:

STORIA DI UN AMORE STRAORDINARIO di CARL-JORDAN VALLGREN

Königsberg, 1813. Un noto medico viene chiamato d'urgenza dalla tenutaria del bordello più elegante della città perché aiuti due delle sue ragazze a partorire. Una ha un parto del tutto normale, mettendo al mondo una bambina, Henrietta. L'altra muore dando alla luce un bimbo che tutti immaginano morirà entro breve per la gravità delle sue condizioni di salute. Il piccolo invece dimostra da subito di possedere un'energia straordinaria, e sopravvive. I due bambini crescono insieme e tra loro si crea un legame strettissimo che non si spezza neppure quando, a dieci anni, vengono separati. Passeranno altri dieci anni fitti di avventure prima che si ritrovino e scoprano di amarsi di un amore straordinario, che nemmeno la morte riesce ad annientare.

2 commenti:

Lupin ha detto...

Che dire, semplicemente stupendo! Ho trovato il tuo blog perchè cercavo il mio, che si chiama ilcavalieredinverno.splinder.com!
Mi piace il tuo genere di lettura, se qualche volta hai voglia di parlare di libri contattami tramite mail (non so se la vedi qui, è la prima volta che entro in questo sito) o trammite il mio blog. Ciao! Silvana

CrèmeBrulée ha detto...

Ciao Silvana!!

sono felice che sei arrivata per caso sul mio blog, come vedi è dedicato principalmente al Cavaliere d'inverno, un libro stupendo, ma non solo. Parlo dei libri che leggo e di molte altre cose.
Mi piacerebbe molto confrontarmi sui libri di Paullina, ipotizzare finali diversi, e parlare delle nostre letture in generale.
Non riesco però a trovare il tuo blog!!!!!!!!!!!!!!
:)
Qui non vedo neanche la tua mail!!!
Spero lascerai un altro commento, creo ora un post proprio per questo nella prima pagina!!

Un saluto!!!

Ti piace il mio blog?

SONDAGGI SONDAGGI SONDAGGI SONDAGGI

consiglio fantasy: ROBERT JORDAN

"La Ruota del tempo gira e le Epoche si susseguono, lasciando ricordi che divengono leggenda;
la leggenda sbiadisce nel mito, ma anche il mito è ormai dimenticato, quando ritorna l'Epoca che lo vide nascere.
In un'Epoca chiamata da alcuni Epoca Terza, un'Epoca ancora a venire, un'Epoca da gran tempo trascorsa, il vento si alzò fra le colline.
Il vento non era l'inizio
Non c'è inizio né fine, al girare della Ruota del Tempo.Ma fu comunque un inizio."
La Ruota del Tempo - L'Occhio del mondo